Rocca Massima - La vetrina di Carla

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Rocca Massima

Luciano > Viaggiare
Rocca Massima - 740 m. (LT)
Una giornata a... Rocca Massima, una localita' stupenda, fuori da tutte le rotte turistiche battute dai romani (ed i romani sono famosi per arrivare dappertutto!!). Un posto nascosto alla vista nella pianura di Latina, che fino all'ultimo sembra quasi impossibile che possa trovarsi in una parte cosi' pianeggiante, che scollinando degrada fino al mase. Ma, appena presa la deviazione che dalla strada principale ci porta verso Rocca Massima, seguendo l'insegna stradale, quasi non crediamo ai nostri occhi!!!...Il navigatore dice che mancano nove chilometri..ma siamo ancora in pianura!..come e' possibile. Non vi nascondo di aver pensato di aver sbagliato strada! Poi, piano piano, vediamo profilarsi lasu' in alto, come spuntato dal nulla in un apocalittico sconvolgimento preistorico di cui conserva ancora le tracce, i merli di una antica fortezza! E mentre i tornati si srotolano sotto le nostre ruote, ci rendiamo conto di salire, salire, salire, e lo scenario cambia ad ogni curva, come se una  magica regia stesse riservandoci ad ogni tornante una sorpresa diversa, un mondo che non pensavamo esistesse. Ed arrivati in cima ci rendiamo conto di essere veramente su uno sperone di roccia che spunta dalla pianura, come spinta da una forza primordiale per farci godere questo scenario unico. Si ha l'impressione di aver trovato finalmente la visione dell'infinito....perche' il nostro sguardo puo' spingersi cosi' lontano fino dove sembra impossibile, fino al mare ed oltre. Ed allora ci fermiamo, ci sediamo su una panchina e, con il fiato sospeso e con l'animo rapito da questo spettacolo magnifico,  ci godiamo la vista di qualcosa che non esiste, ma che e' li',  davanti ai nostri occhi: L'INFINITO.
Ma le sorprese non finiscono qui. Infatti oltre a beare i nostri occhi, possiamo anche gustare le delizie gastronomico di un altro "infinito" ... quello della Pizzeria L'Infinito, posto proprio davanti a questo spettacolare panorama. Ed i piatti unici e la cucina gustosa ed attenta alla natura biologica dei cibi, vi assicuro, regge egregiamente il paragone con la visione mozzafiato dell'altro Infinito.
E come allora non pensare all'Infinito del Leopardi... anche se qui non ci  sono ermi colli che dell'orizzonte il guardo escludono.
Ma la sensazione e' la stessa, e la mente viene rapita dai versi del poeta, mente gli occhi si perdono nel rosso infuocato di un fntastico tramonto di una tersa giornata di fine Novembre.

L'INFINITO - di Giacomo LEOPARDI
Testo                                            Video

L'INFINITO - di Giacomo Leopardi

Sempre caro mi fu quest’ermo colle,
e questa siepe, che da tanta parte
dell’ultimo orizzonte il guardo esclude.
Ma sedendo e mirando, interminati
spazi di là da quella, e sovrumani
silenzi, e profondissima quïete
io nel pensier mi fingo, ove per poco
il cor non si spaura. E come il vento
odo stormir tra queste piante, io quello
infinito silenzio a questa voce
vo comparando: e mi sovvien l’eterno,
e le morte stagioni, e la presente
e viva, e il suon di lei. Così tra questa
immensità s’annega il pensier mio:
e il naufragar m’è dolce in questo mare.


FOTO DI ROCCA MASSIMA
 
Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu